Inizia una nuova era per l'isolamento di esosomi

Lunedì 01 Aprile 2019
 Automatic Fraction Collector (AFC) per il range di colonne qEV SEC

Una nuova era nell'isolamento di esosomi e vescicole extracellulari (EV) inizia in questi giorni, con la spedizione dei primi Automatic Fraction Collectors (AFC) a un gruppo di clienti selezionati. L'Automatic Fraction Collector lavora con tutto il range di colonnine qEV SEC. 

I sistemi AFC risolvono con efficacia il problema della scalabilità e ripetibilità nella ricerca riguardante l'isolamento di esosomi e vescicole extracellulari (EV), per lo sviluppo di prodotti e per l'utilizzo dellla metodologia di isolamento in ambito clinico. L'AFC utilizza un metodo di misura delle frazioni di volume molto preciso. La dimensione e il numero di frazioni può essere facilmente ottimizzato e programmato dall'utente per massimizzare la purezza e il raccolto di esosomi e vescicole extracellulari. L'utente è libero di occuparsi d'altro mentre l'AFC finisce di isolare i campioni.

Uno dei fattori fondamentali che hanno portato allo sviluppo dell'AFC è stata la ricerca della standardizzazione mondiale nell'isolamento, misura e analisi di esosomi e vescicole extracellulari. La visione di Izon Science è che questa standardizzazione possa essere rappresentata come un problema di rapporto segnale/rumore, laddove il "rumore" è la variazione casuale dovuta a metodologie non ripetibili.

Per esempio l'ultra-centrifugazione viene solitamente utilizzata nella ricerca associata a esosomi e vescicole extracellulari, ma non è scalabile e/o ripetibile, senza che vengano introdotte variazioni casuali nei campioni raccolti. Si prevede che l'uso dell'AFC insieme alle colonne qEV renderà nel breve periodo l'ultra-centrifugazione un processo obsoleto nell'ambito del mondo EV.

IZON Science

Accuratezza e Precisione in Nanomedicina
qEV Automatic Fraction Collector (AFC)
qEV Automatic Fraction Collector (AFC)

L'AFC utilizzerà colonne “smart” e rappresenterà la prima applicazione al mondo di tecnologia RFID in questo campo. Izon ha progettato e sviluppato un sistema di lettura/scrittura RFID per l'AFC. Ogni colonna qEV avrà un'etichetta RFID con memoria indirizzabile, che memorizzerà i parametri della colonna: data di produzione, dati QA (quality assurance), inclusi il numero di utilizzi della colonna e i cicli di pulizia a cui è stata eventualmente sottoposta. L'uso di un sistema elettronico di raccolta dati è particolarmente rilevante per analisi su biomarcatori su larga scala. È previsto che il successivo sviluppo dello strumento offrirà la possibilità agli utenti di introdurre input dettagliati.

L'introduzione delle colonnine di separazione SEC nel 2014, in particolare la gamma qEV, ha rappresentato un avanzamento significativo per il campo delle vescicole extracellulari, una tecnologia che permette ottenere i campioni di EV più puliti. Queste colonnine furono sviluppate in un primo tempo dall'Academic Medical Centre di Amsterdam, e successivamente, per la vendita in tutto il mondo, da Izon Science Ltd. L'attuale introduzione di una migliore precisione e automazione per le qEV è una importantissima miglioria, che permette di introdurre tra l'altro la scalabilità, con un netto miglioramento, allo stesso tempo, della qualità.

Un numero limitato di versioni beta dell'AFC sta per essere offerto ai clienti delle qEV in questi giorni; offerta che prevederà un'upgrade gratuito alla versione definitiva, in commercio ufficialmente agli inizi di Maggio.