Lunedì 28 Gennaio 2019

Le nuove colonnine qEV 35nm - Ideali per la ricerca sugli esosomi

Le nuove colonnine qEV 35nm - Ideali per la ricerca sugli esosomi

I continui progressi nel campo delle vescicole extracellulari (EV) e la scoperta di nuove tipologie di particelle di dimensioni nano-metriche (per esempio gli esomeri), ha aumentato la richiesta da parte dei ricercatori di metodi di isolamento per le EV più specifici e precisi. Nell'ambito di questo processo Izon ha allargato la sua piattaforma di colonnine qEV, rendendo disponibili due diversi range dimensionali di separazione per le colonnine SEC. Il nuovo range qEV35 ha come obiettivo la separazione di particelle fino a 35nm. Il range preesistente di qEV, rinominato qEV70, ha come obiettivo le vescicole extracellulari di dimensioni superiori ai 70nm. Il crossover per la migliore efficienza è a 110nm.

Se siete interessati soprattutto agli esosomi, allora il range qEV35 è un'utile aggiunta alla vostra gamma di accessori e strumenti. Le preziose informazioni nel range al di sotto dei 70nm possono ora essere raccolte con facilità. Un'altra opportunità ora disponibile è quella di fare delle analisi comparative sui vostri campioni utilizzando entrambe le colonnine, per capire in quale range dimensionale sono presenti i componenti più significativi per la vostra ricerca. La dimensione delle particelle riveste una importanza fondamentale per quanto riguarda le funzioni stesse delle vescicole extracellulari, perciò l'abilità di differenziare i range dimensionali è davvero probabile che sia fondamentale.

Prodotti correlati 

Range: 35nm-350nm - Colonnine SEC per la purificazione e la separazione di esosomi/vescicole extracellulari
qEVoriginal / 35nm - Scatola da 5 colonnine
Range: 35nm-350nm - Le colonnine SEC monouso per isolamento di vescicole extracellulari su scala analitica
Range: 35nm-350nm - 2ml - Ideale per campioni clinici e preparazione RNA
qEV2 / 35nm - Scatola da 2
Range: 35nm-200nm - 10 ml di campione - Ideale per grandi volumi di supernatanti da colture cellulari
qEV10 / 35nm - 35nm-200nm - Confezione da 1

I nostri Partner 

Izon Science

I rendimenti di isolamento per diverse dimensioni di particelle per i due tipi di colonnine qEV
I rendimenti di isolamento per diverse dimensioni di particelle per i due tipi di colonnine qEV

Il range delle qEV35 è adatto per il range dimensionale di vescicole extracellulari tra i 35 e i 350nm. Il range delle qEV70 lavora nel range tra i 70 e i 1000nm. Al di fuori di questi range i rendimenti saranno probabilmente troppo bassi. Nel range dimensionale più basso, quando vengono utilizzati plasma o siero, la dimensione delle lipoproteine più grandi probabilmente si sovrapporrà alle vescicole extracellulari più piccole; cosa di cui dovresti essere a conoscenza. Diversi ricercatori hanno provato il range qEV35 con Western Blot, Spettrometria di Massa e analisi RNA, ottenendo buoni risultati.

Range completo delle colonnine qEV 35nm
Range completo delle colonnine qEV 35nm

Al momento ci sono 4 diverse dimensioni di qEV con volumi nominali di campione di 0.125mL, 0.5mL, 2.0mL e 10mL. Izon sta sviluppando altre due dimensioni. L'obiettivo è di fare in modo che tutti  i ricercatori possano scegliere il più preciso ed efficiente sistema di isolamento. Le necessità della ricerca pura, lo sviluppo di diagnosi e di terapie, differiscono tra di loro, e richiedono soluzioni personalizzate. Il qEV10 per esempio è rivolto alla raccolta di grandi volumi da colture cellulari utilizzate per sviluppo di terapie. Una colonna da 100mL (qEV100) per isolamento su larga scala di vescicole extracellulari utilizzate per studi su terapie è attualmente in sviluppo e in fase di test.

La standardizzazione di tecniche è essenziale se tutta l'ampia ricerca sulle EV deve essere poi traslata in utilizzo routinario per uso clinico. Nessuno degli altri metodi di isolamento delle vescicole extracellulari si presta facilmente alla standardizzazione o alla scalabilità come le colonnine qEV. L'attuale sistema manuale di isolamento utilizzato con queste colonnine non è effettivamente molto scalabile, ma un cambiamento rivoluzionario di questa metodologia è in arrivo.

È arrivato! - L'AFC Izon - Automated Fraction Collector
Izon AFC - Automated Fraction Collector
Izon AFC - Automated Fraction Collector

È stato sviluppato un nuovo Automatic Fraction Collector, acronimo AFC, ed è attualmente in fase di test da parte di alcuni gruppi di ricerca. Si prevede che diventi uno strumento standard in ogni laboratorio che si occupa di vescicole extracellulari. Migliorerà ulteriormente la ripetibilità dell'isolamento di EV e farà risparmiare tempo, evitando di dover osservare personalmente le frazioni. Sparirà del tutto il problema della scalabilità.